Rinnovo integrativo Gruppo Holcim: cosa significa?

L’ipotesi di accordo per il rinnovo dell’integrativo Holcim firmata per gli anni 2020, 2021 e 2022 e si estende anche ai lavoratori delle società di Geocycle srl e cava F.lli Manara. Significa che tutte le società in Italia controllate o partecipate a maggioranza dal gruppo Holcim, hanno applicato i contenuti di II livello definiti dal Coordinamento delle RSU.

Quando sarà perfezionata giuridicamente l’acquisizione di “Edile Commerciale” le parti si incontreranno per definire l’estensione dei contenuti di II livello anche ai lavoratori di questa azienda.

Sulla parte normativa l’accordo prevede che l’azienda investirà nel triennio sul processo produttivo 15 ml di €, e prevede inoltre che le imprese che svolgeranno i lavori in appalto o in sub appalto, dovranno dichiarare che i lavoratori loro dipendenti conoscano i rischi connessi alle attività lavorative da svolgere sugli impianti degli stabilimenti del gruppo, sulle relative interferenze e gli standard definiti da Holcim, tutto questo per contrastare gli infortuni sul lavoro.

Per quanto riguarda lo smart working, l’accordo prevede una regolamentazione più precisa dopo la fine della pandemia in atto.

In materia di congedi parentali, è stabilito che l’integrazione di maternità o paternità, dopo il periodo dell’obbligatoria, sarà al 100% per 4 mesi goduti continuativamente.

L’impegno nel superare le differenze nel mondo del lavoro tra donne e uomini sarà costante.

Tra le altre cose, è stato regolamentato lo “strumento di solidarietà” che consente ai lavoratori di “cedere” a titolo gratuito i riposi e le ferie da loro maturati e non goduti ai compagni di lavoro che hanno la necessità di assistere i familiari con problemi di salute.

Sulla parte economica è stato definito un premio variabile collegato ai seguenti parametri; Produttività (25% di incidenza), Finanziario (25%), Conformità produttive (25%), Mantenimento e implementazione efficienza energetica (20%) e Formazione dei lavoratori (5%).

Il valore economico annuo del premio è suddiviso in tre fasce: la fascia minima ha un importo di 1550 €, il Target di 2.000 € e la fascia massima di 2.500 €.

Per quanto concerne i costi del Fondo Previgen (Previdenza complementare) essi saranno a carico dell’azienda dal primo gennaio 2020.