Uil Scuola Rua si schiera con i DSGA della provincia di Varese

I Direttori dei Servizi Generali e Amministrativi, ben 42 tra Varese e provincia, hanno guidato peranni la macchina scolastica con passione, dedizione e professionalità, qualità che hanno permesso di superare le grandi difficoltà che la scuola sta vivendo. La conversione in legge, occorsa lunedì 12 ottobre, del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104 porta ad una immediata destituzione degli assistenti amministrativi dall’incarico di Dsga, che per questo motivo hanno impugnato carta e penna, rivolgendosi ai dirigenti scolastici per chiedere sostegno tramite una lettera aperta.

«Sono lavoratori che da anni svolgono la funzione che la politica vuole spazzare via senza guardare ad una professionalità che non può non essere considerata, per il bene dei servizi amministrativi delle scuole - spiega Francesco Aretano, segretario generale dalla Segreteria Uil Scuola Rua di Varese - Hanno negato loro un concorso straordinario, la mobilità professionale non è attivata da un decennio, in alcune regioni sarà revocato l’incarico già in corso d’anno. Come organizzazione sindacale sosteniamo la loro giusta rivendicazione, per l’importanza che rivestono queste figure, per la garanzia della funzionalità delle attività amministrative delle scuole».

Chiare le richieste nella lettera: si appellano ai dirigenti scolastici, che conoscono la loro gavetta ed il loro carico di lavoro, affinché facciano sentire la loro voce a Roma. «Chiediamo ai dirigenti scolastici di farsi nostri portavoce, inoltrando una missiva all’Ufficio Scolastico Regionale, agli Uffici Scolastici Territoriali, al Ministero dell’Istruzione ed al Prefetto di Varese, a sostegno dei Dsga facenti funzione».

UIL SCUOLA web